Archivio dell'autore: Souffle

Stephen Colbert, la Cbs e due cose sul cambiamento

What you’re going to get is the real Stephen Colbert. He said it’s time to do something different. If he’s going to be on our air for 20 years, as we all hope, it’s not humanly possible to keep that … Continua a leggere

Pubblicato in le cose migliori, scrittura, televisione | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Giovane e bella, Ozon libera la sessualità

Sessualità liberata quella di Giovane e bella, l’ultimo film di François Ozon? Si e no. Cioè non tanto banalmente una adolescente che scopre il sesso e il suo corpo – sì c’è anche quello – e ne fa quel che … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, maschi e femmine, ozon, scrittura | Contrassegnato , | 2 commenti

Her, o dell’affettività digitale

Ci sono due cose da non fare, a mio parere, di fronte a Her, il film scritto e diretto da Spike Jonze. La prima è considerarlo un film sul futuro, la seconda è pensarlo come una metafora. Che Her parli … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, le cose migliori, maschi e femmine, scrittura | Contrassegnato , | 6 commenti

Il buio e la luce, Friedkin e la sua “straight story”

Sarei stato un regista migliore in uno studio system, come quello prevalente negli anni trenta e quaranta. (…) Potevi dirigere fino a quattro o cinque film all’anno. (…) Non ti dovevi preoccupare di trovare i soldi o di scegliere il … Continua a leggere

Pubblicato in cinema, libri | Contrassegnato , , | 3 commenti

Snowpiercer, o del fatalismo

Ancora una volta il cinema saccheggia le graphic novel, se ne appropria, le reinventa, dando, finalmente, dignità al fumetto come veicolo narrativo e carburante per un cinema affamato di storie. Snowpiercer, dell’acclamato Bong Joon-ho, è tratto dalla graphic novel francese Le … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, scrittura | Lascia un commento

Due o tre cose che andrebbero dette sugli Oscar 2014

Ogni anno si svolge la cerimonia degli Oscar e ogni anno i cinefili fanno storie per le nomination, facendo altre storie poi per il vincitore. Fa parte del gioco, se viene vissuto come un gioco. Se diventa oggetto di rancore … Continua a leggere

Pubblicato in cinema, meryl streep, oscar, premi | Contrassegnato , , | 9 commenti

Dallas buyers club, l’ultimo rodeo

Il contrappasso che colpisce il cowboy omofobico Ron Woodroof di Dallas Buyers Club è di quelli pesanti. Scopafiche, dipendente da droghe e alcool, duro e rude come cliché richiede, gli viene diagnosticato l’HIV, la peste dei gay a metà degli … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, scrittura, vizi e virtù | Contrassegnato , , | 4 commenti

Ellen Page, il coming out e la prossemica

I fatti. Una settimana fa, il giorno di San Valentino, l’attrice canadese Ellen Page, nota sopratutto per Juno (ma anche per Hard Candy), parla  a una conferenza sul rispetto dei diritti umani nei confronti delle persone omosessuali, in modo particolare … Continua a leggere

Pubblicato in comunicati, le cose migliori, maschi e femmine, media | Contrassegnato , | Lascia un commento

I segreti di Osage County, il film “di” Meryl

Una volta, tanto tempo fa, il pubblico che andava al cinema diceva al familiare, amico, vicino di casa, “vado a vedere un film di James Stewart”, “stasera danno il nuovo film di Bette Davies”. Il film si incarnava con l’attore … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2013, cinema 2014, meryl streep, scrittura | Contrassegnato , | 3 commenti

The Wolf of Wall Street, o della debordanza

Tira le fila del suo Cinema, Martin Scorsese con The Wolf of Wall Street, storia di un bravo ragazzo della  finanza immerso nel sogno americano delle opportunità e delle seconde possibilità. In una lineare parabola di ascesa caduta e risalita, … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, classici, maschi e femmine, scrittura | Contrassegnato , , | Lascia un commento