Archivio dell'autore: Souffle

Synecdoche New York, la vita è parte l’arte il tutto

Tu vivrai solo e morirai da solo Mio padre quando voleva ferirmi Questo monumento alla yubris che è Synecdoche New York arriva in Italia dopo la morte del suo formidabile attore, facendo comunque incassi ridicoli. Certo, tirare fuori in estate … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, le cose migliori, maschi e femmine, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

A pranzo con Souffle #4

Fa caldo. E viene poca voglia di cucinare. E forse ve ne verrà ancora meno dopo questa ricetta, perché il fornello va acceso per ben due volte, anzi 3. E la preparazione è un po’ da domenica che ho tanto … Continua a leggere

Pubblicato in a pranzo con Souffle, cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

Quel che Maisie sapeva, Henry James ma con speranza

I bambini ci guardano, forse ci giudicano ma non ci condannano, e nonostante tutto ci amano. Henry James ai giorni giostri nel film di Scott McGhee e David Siegel Quel che sapeva Maisie, approdato sui nostri schermi a due anni … Continua a leggere

Pubblicato in cannes 2014, maschi e femmine, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

Big Wedding, o del perché lo fate ancora

Saldi di fine stagione e qui la frase non suoni trita. Basti dare uno sguardo alle date. La produzione di Big Wedding (o The Big Wedding) di Justin Zackham inizia nel 2011 e solo nel 2013 il film arriva nelle … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, maschi e femmine, scrittura | Lascia un commento

Gebo e l’ombra, De Oliveira e la necessità del narrare

Strani casi della distribuzione estiva. Mentre il popolo pensa alla spiaggia dove posare i piedi o ai piedi dei calciatori impegnati in un mondiale che vede incollato il popolo con in mano la Peroni gelata e il rutto libero, i … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, le cose migliori, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

Brevi da Cannes #3

Ultime visioni. Mommy di Xavier Dolan Rimproverare a un 25enne di essere esagerato, strafottente, entusiasta, debordante, impudente, è davvero ridicolo. Xavier Dolan scrive, dirige, cura i costumi, le scenografie, cura il montaggio, sceglie le musiche e i sottotitoli inglesi del … Continua a leggere

Pubblicato in cannes 2014, cinema 2014, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

Brevi da Cannes 2014 #2

Seconda visione. Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan C’era un’altra volta in Anatolia, paesaggio nel quale piace a Ceylan piace muovere i suoi personaggi, Paese vitalmente immobile la Turchia, incastrato da modernità e tradizione, difesa dei valori e voglia di cambiamento.  … Continua a leggere

Pubblicato in cannes 2014, cinema 2014, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

Brevi da Cannes 2014 #1

Dopo la pausa dello scorso anno – mi trovavo a Vancouver per quella che sarebbe stata una delle cose più belle e folli e tristi e allegre e dolci e amare della mia vita – rieccomi ad affollare le sale … Continua a leggere

Pubblicato in cannes 2014, cinema 2014, maschi e femmine | Contrassegnato , | Lascia un commento

A pranzo con Souffle #3

Essendo nato in un posto di mare adoro il pesce. Lo so, non è così automatico, ci sono persone che come me hanno respirato iodio e giocato con la sabbia fin da piccole eppure detestano il pesce a meno che … Continua a leggere

Pubblicato in a pranzo con Souffle, cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

Maps to the stars, Cronenberg meccanico

Hollywood brucia nel nuovo film di David Cronenberg che è passato a Cannes 2014 regalando a Julienne Moore la palma di migliore attrice. Il regista canadese con Maps to the stars fa tabula rasa su Hollywood e i suoi figli, … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2013 | Lascia un commento