poetessa folle

Accarezzami, amore
ma come il sole

che tocca la dolce fronte della luna.
Non venirmi a molestare anche tu
con quelle sciocche ricerche
sulle tracce del divino.
Dio arriverà all’alba
se io sarò tra le tue braccia.

*****

Corpo, ludibrio grigio

con le tue scarlatte voglie,
fino a quando mi imprigionerai?
anima circonflessa,
circonfusa e incapace,
anima circoncisa,
che fai distesa nel corpo?

Addio Alda, passeggiando sui Navigli, dove a volte ti incrociavo, mi sentirò più solo.

Alda Merini, potessa. Milano, 1931-2009.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in lutti. Contrassegna il permalink.

2 risposte a poetessa folle

  1. souffle ha detto:

    @noodles: sì, i poeti andrebbero sostenuti perchè sono creature fragili. Alda era una donna sofferente ma anche spiritosa. Devo dire che mi mancherà.Un saluto e grazie per il tuo commento.

  2. Noodles ha detto:

    Grandissima Alda. Quella sua poesia così alta, eppure lei specie alla fine sempre così trasandata, volutamente, retaggio d una vita carica di sofferenza. E' spiacevole pensare che anche la più grande poetessa italiana (allora) vivente fosse così… "dimenticata". I poeti – quelli veri – andrebbero sostenuti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...