Premio Dardos

I Know What You’re Thinking, come direbbe Magnum P.I. Come mai compare questo post sul blog se a quest’ora dovresti essere in vacanza lontano da tutto, da tutti e sopratutto da Internet e le sue seduzioni?

Voi che siete più giovani e sgamati, conoscete sicuramente la funzione di blogger che consente di programmare i post, permettendo di spostare in avanti i vostri pensieri. Oh, fosse possibile nella vita reale! La cosa funziona un po’ come quel tasto della vostra lavatrice, e della mia lavatrice, sempre che tra 20 giorni arrivi quella splendida creatura che ho ordinato e mi è costata quanto un i-phone e consente di condividere su facebook i miei programmi di lavaggio.

Ma io sto divangando, come disse il contadino alle prese con un terreno da dissodare.

L’adorabile Pickpocket e gli splendidi e sensuali Para e Chimy hanno deciso non solo che questo blog parlasse di cinema, ma che fosse anche da includere in una classifica di un certo premio.

Li ringrazio molto, anche se loro stessi sanno che non lo merito, si sono già pentiti e in effetti sono più che altro un riempitivo, quello chiamato a fare numero alle feste cui non sei sicuro che verrà un numero sufficiente di persone.
Ho già provato questa ebbrezza. Molti anni fa fui invitato a un pranzo di nozze dopo che alcune persone diedero forfait. I coperti erano già stati pagati e io e il mio compagno di allora mangiammo benissimo. Se vi serve un riempitivo per matrimoni, cresime, lauree, Bar Mitzvah, funerali, io sono disponibile, purché il buffet sia adeguato. No perditempo.

Ma proseguiamo, che manca poco al nuovo episodio di True Blood e non sia mai che mi perda il culo di Jason Stackhouse.
Dove eravamo? Ah, sì. Per onorare il regolamento di questo premio mi occorre citare i deliziosi cineblogger che mi hanno segnalato, e l’ho fatto, nonché indicare altri blog meritevoli di attenzione. Non citerò i miei segnalatori, perché mi pare superfluo. Loro sanno che li leggo, che li apprezzo, che mi piace commentare le cose che scrivono, e non credo sia utile cantarsela e suonarsela da soli, e mi si perdoni questa citazione da RaiUno, ma non scrivo io questo show.
Sperando che le persone citate non si sentano in obbligo di continuare questa catena, trasformerò queste segnalazioni in un percorso diverso (che paraculo, ti sei citato), approfittando per salutare anche blog non più presenti ma che sono state mattonelle su cui ho danzato e sicuramente sono davanti allo schermo in questo momento.

Alcuni sono stati blogger con cui mi sono avvinghiato cinematograficamente, da cui ho ricevuto (cine)pugni memorabili, con altri sono stato a volte scortese mentre avrei voluto essere scorsese, con tutti mi sono divertito a fare una cosa che in rete si fa sempre meno spesso. Accapigliarsi sulle cose che ci piacciono. E poi farsi una bevuta insieme.
Loro non ci crederanno, ma a mio modo li ho amati tutti. Eccoli, in ordine rigorosamente non (anal)fabetico.

movie’s home

Les cahiers de l’enfer

A loookey inside

giovanecinefilo

watkinblog

nessuno t’amerà mai come t’ho amata io

Direktor After Hours

Miss Pascal’s Diner

Miss Vengeance

Insegna provvisoria

Only Connect

Alberto Di Felice

Cinemasema

e ultimi ma decisamente non ultimi e  Mitchell Leisen Award

[di passaggio]

Cinema da denuncia

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in premi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Premio Dardos

  1. souffle ha detto:

    @Para: sì, lo so. Il mio voleva essere solo un modo scherzoso per combattere l'imbarazzo che mi era caduto addosso dopo la vostra citazione di cui vi ringrazio. :)Un buon pomeriggio.

  2. Para ha detto:

    Se ci serviva un riempitivo, Souffle, avremmo premiato, come hai saggiamente fatto tu, dei blog ormai chiusi. :)In ogni caso è un'ottima cosa, nella tua lista ci sono un paio di istituzioni della blogosfera di cui tutti sentiamo un po' la mancanza.Saluti.Para

  3. ADF ha detto:

    Souffle: Ma io ho tutta la pazienza del mondo. Lo dico per te, ché tu hai un'immagine da difendere e mi par brutto sporcarla proprio con un "Scientology Today".

  4. souffle ha detto:

    @ADF: lo so, è il maledettissimo google. Però oggi non è comparso nulla. Non so se è il mio browser che non visualizza e quindi il problema rimane, oppure è finalmente scomparso la maledetta pubblicità non gradita.Perdonami Alberto, porta pazienza, tu e i lettori, non è colpa mia, e se lo è non non è volontaria.Grazie

  5. ADF ha detto:

    Voglio solo tu sappia che entrando in questo blog mi è comparso un riquadretto-invito a visitare il sito di Scientology. Va bene "percorsi diversi": però proprio questi? Per tua conoscenza.

  6. souffle ha detto:

    @Ale: era quella l'intenzione, divertirmi e divertire. 🙂 Il MLA lo hai decisamente meritato. Un abbraccio.@pickpocket: ok, ti ringrazio. 🙂 Buona serata.

  7. Pickpocket83 ha detto:

    No no, quale riempitivo! Nessun riempitivo nella Pickpocket's List! Che sia ben chiaro. 🙂

  8. Anonymous ha detto:

    Ciao Fran, mi avvedo soltanto ora della segnalazione e la cosa mi diverte assai (anche grazie al tono deliziosamente stravagante del post): il premio MLA è senza dubbio il riconoscimento più svitato (il che equivale ad azzeccato) che abbia mai ricevuto. Darling, How Could You! :)Un abbraccio,Ale

  9. souffle ha detto:

    @perso: grazie a te di essere passato, vieni quando vuoi e commenta pure. Spero i link ti portino a scoprire altri blog interessanti e divertenti. Un saluto.@Adf: la perversione mi contraddistingue. Un saluto. @Luciano: prego, un saluto.@Udp: Jason è la mia ossessione. Più lo ritengo un coglioncione, più mi fa sesso. (Il Mitchell Leisen Award è il premio che io vorrei tanto ricevere, se esistesse). ^^ Baci.

  10. UnoDiPassaggio ha detto:

    (no dico, Mitchell Leisen Award, mica bruscolini)

  11. UnoDiPassaggio ha detto:

    Grazie mille, caro (e sottoscrivo quanto dichiarato dal buon ADF). Ma parliamo di cose serie: Jason Stackhouse finto poliziotto che a petto nudo e con gli occhiali da sole chiede patente e libretto è il top dell'estate 2010.

  12. Luciano ha detto:

    Il premio ci ha fatto molto piacere. Grazie^^

  13. ADF ha detto:

    Solo un perverso come te poteva segnalarmi in quest'ennesima catenona. Il Signore ti stramaledica.

  14. perso ha detto:

    complimenti per il premio e anche per il blog che ho scoperto da poco! grazie anche per tutti questi link interessanti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...