esegesi del pandoro di destra

Come saluto natalizio, la redazione ha deciso di fare una piccola esegesi del famoso spot del pandoro Bauli, “A Natale puoi“, che chi non ha mai visto può trovare in basso.
Il protagonista è un bimbetto, probabilmente del Nord Italia, biondo e bello come tutti i bimbetti degli spot dei prodotti da forno.
L’elemento fondamentale della pbblicità è la canzoncina natalizia che contrappunta le immagini, canzoncina che a nostro parere non si è ascoltata con sufficiente attenzione.
Riprendiamone le parole.

“A Natale puoi/
fare quello che non puoi fare mai
la frase, associata a immagini di solidarietà (il bimbo distribuisce in giro pezzetti provenienti da una fetta di pandoro apparentemente inesauribile) ci ricorda che solo a Natale si può essere generosi e altruisti, comportamenti che nel restante periodo dell’anno sono preclusi in mondo competitivo ed egoista.
Il fatto che tale frase sia cantata da voce infantile ci suggerisce una seconda interpretazione: che solo ai bambini sia permesso, in occasione della felice ricorrenza natalizia, assumere comportamenti eccezionali. Gli adulti ne sono esentati. Oppure sono richiamati a “tornare bambini” e riscoprire affetto e solidarietà.
Dopo che il bimbo ricco ha distribuito in giro pezzetti della sua preziosa fetta a un insieme di stereotipati “caratteri” trovati per strada (la comunicazione ragiona per grandi stereotipi ovviamente), compreso a un uccellino infreddolito (gli animali e i bambini fanno vendere sempre), torna nella sua casa calda nel centro cittadino, dove, in un salotto elegante con un albero illuminato, trova un intero pandoro che lo aspetta. Il sacrificio è stato ripagato. Una fetta in cambio di un intero pandoro. Il sacrificio sostanzialmente non c’è stato.
Infatti chiosa la canzoncina nel finale:
“è Natale, è Natale/
si può fare di più
è Natale, è Natale/
si può amare di più
è Natale, è Natale/
si può fare di più
per noi.

Mica per gli altri. Per noi.
A Natale puoi. E si suppone che anche nel resto dell’anno. In premio, la fetta di un pandoro in linea con la “pancia” del paese. Infatti è il pù venduto.
Nel lasciarvi allo spot, buone feste da Souffle, Speziato e Petunia.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in Auguri, media e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a esegesi del pandoro di destra

  1. Souffle ha detto:

    @sam: grazie, anche a te. ^^
    @noodles: in effetti non vedi l’ora. Ma puoi utilizzare il comando “pubblica” a destra in alto. Questo comando ti permette nn solo di modificare la data ma di inserire anche un orario. In questo modo i tuoi post saranno nell’ordine che desideri. Buona giornata.

  2. sam ha detto:

    Buone feste a te.

  3. Noodles ha detto:

    sì con splinder dovrei acquistare un dominio, creare un sito… e rportare tutto lì
    mi sto imbarcando nell’immane impresa di copiare incollare i post dal blog originale al nuovo di wordpress… ma wordpress non segna l’ora dei post? sai come si fa a metterla?

  4. Souffle ha detto:

    @AmosGitai: ci so uno sguardo quando torno a Milano. Buon Natale anche a te. ^^

  5. Souffle ha detto:

    @Perso già di suo: ok! Un saluto.

    @Pickpocket: me li ricordo gli spot della casa delle libertà… ^^ Auguri anche a te!

    @Noodles: un buon Natale anche a te. 🙂 Sì, il blog era su blogger e poi ho deciso di spostarmi qui. WordPress, pur conservando alcune rigidità, ti permette di importare un intero blog da blogger. Con splinder è più rognosa la cosa. Credo che in rete però si trovino suggerimenti per risolvere il problema, anche se la rocedura a quanto ho capito, richiede un po’ di fatica in più. Ancora auguri!

  6. Noodles ha detto:

    Ciao Souffle, auguri di un felice Natale!
    scusami l’Off-post ma il tuo blog prima era su blogspot o sbaglio? sto tentando di passare anche io a wordpress, ma a quanto pare non è possibile tirare sulla piattaforma nuova il veccho blog…

  7. Pickpocket83 ha detto:

    Avevo pensato anche io alle stesse riflessioni, sentendo con attenzione le pericolose paroline della canzoncina. Nella sostanza, non siamo molto lontani da qui:

    😀

    Un caro saluto e auguri di un sereno Natale 🙂

  8. Salve,
    nell’augurarti Buon Natale vorrei invitarti a far parte di una giuria “virtuale” per l’assegnazione del premio di una delle categorie dei miei CINEMAeVIAGGI AWARDS 2009 che decretano i migliori film dell’anno.
    Sto invitando tutti i blogger che trattano cinema, anche marginalmente, a votare tre film in ordine di preferenza.
    Se fossi interessato, trovi le (brevi) istruzioni ed il form per votare a questo indirizzo:
    VOTAZIONI CINEMAeVIAGGI 2010 AWARDS – PREMIO CRITICA BLOGGERS
    Ti ringrazio da subito e di nuovo… Buon Natale!
    AmosGitai
    (((CINEMAeVIAGGI)))

  9. perso già di suo ha detto:

    ciao! ti ho aggiunto ai miei link..se ti va di ricambiare mi farebbe molto piacere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...