Mezzo alieno e mezzo no

Si vede dalla prima inquadratura che L’ultimo terrestre è un film realizzato da una persona che disegna. Il regista è infatti Gian Alfonso Pacinotti (Gipi) e ha tratto spunto e ispirazione per questa sua storia da un romanzo a fumetti di Giacomo Monti (Nessuno mi farà del male).
L’elemento maggiormente apprezzabile nell’opera prima di Gipi è la grande cura e controllo degli spazi in cui si muove l’uomo senza (apparente) qualità Luca Bertacci, cameriere di un Bingo in contatto con una umanità violenta, volgare, fredda, indifferenza, anaffettiva.

Puntando sul surreale, su un grottesco controllato mai eccessivo sulla precisa funzione della scenografia che sembra scelta davvero pezzo per pezzo e collocata con la cura di chi ha occhio per i dettagli, Pacinotti vince la partita del contesto, delle tavole in cui fare muovere la storia che intende raccontare.
Purtroppo a non funzionare in modo preciso è proprio il testo, in cui il regista affastella più che costruire, lavora troppo di metaforone, costruisce personaggi con un’unica destinazione narrativa programmata (i colleghi di Bertacci al Bingo, i due imbonitori che sembrano usciti da Scientology), che finisce per essere un po’ troppo ingenua e inserisce una storia d’amore non essenziale e della quale sopratutto non pone solide premesse.
Lasciando il lavoro sul surreale e grottesco alle inquadrature, ai movimenti della macchina da presa (ma sguaiati), alle scenografie, agli ambienti in genere, al film occorreva una sceneggiatura che corresse su binari di solidità maggiori inchiodando lo spettatore al senso di angoscia e del(disill)usione che il film voleva trasmettere.

Nel parco attori oltre a Gabriele Spinelli che regala a Bertacci le giuste espressioni aliene, Roberto Herlitzka (che recita col cambio automatico) esprime, forse, il desiderio un po’ antico del regista, per cui la donna/moglie (aliena o meno) deve servire l’uomo/marito. A patto che lui non perda troppo tempo al bar con gli amici.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2011, comics. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...