Senza freni (Premium Rush) e i polpacci di Joseph Gordon-Levitt

Il film che vede protagonista il magnifico Joseph Gordon-Levitt a cavallo di una bici scorrazzare a fare consegne per NYC, Premium Rush da noi uscito col titolo aggiunto di Senza freni, è stato girato nell’estate del 2010.premium1
Negli Usa è uscito due anni dopo e un amico giornalista mi ricorda sempre che una ragione c’è se un film ci ha messo tanto ad uscire nei cinema. E una ragione ci deve essere se la Warner lo ha distribuito in Italia direttamente in dvd.

David Koepp, già autore del pregevole Ghost Town, fa coppia di nuovo con lo sceneggiatore John Kamps, per regalarci un film il cui scopo, lo scopriamo subito con delizia, è mostrarci i polpacci in piena forma di Joseph Gordon-Levitt che è al solito strepitoso quando monta… la bicicletta.
Altra notevole dote che hanno gli sceneggiatori industriali americani è quella di riuscire a imbastire una storia, a volte con successo altre meno, su qualunque categoria professionale e renderla “fica”. Chi mai avrebbe immaginato nell’era delle consegne elettroniche del nuovo millennio, la funzione fondamentale dei pony express nella New York congestionata dal traffico?premium3
Se Jerry Calà faceva le consegne in Vespa, Joseph, decisamente più in forma, imbraccia una bici alla quale ha tolto i freni (di qui il titolo italiano) perché non servono, baby. La baby in questione è Vanessa (Dania Ramirez) che sta con Joseph ma è un po’ stufa e forse lo molla per il rivale di lui, più palestrato. Insomma livello basico rapporti interpersonali: i due maschi si detestano e competono per la femmina. Il mondo di Quark metropolitano.
In mezzo, per dare una qualche giustificazione alle evoluzioni dei nostri runner, c’è la storia di un pacchetto da non consegnare, di una madre e un figlio, di una montagna di denaro e di un poliziotto corrotto che se ne vuole impossessare, cui Michael Shannon presta il suo oramai noto volto a rischio di inflazione dopo che tutti si sono accorti quanto è bravo.premium2

Koepp gira un film incredibilmente (considerata la sottigliezza della sua opera più nota, Ghost Town, appunto) privo di interesse, se non per gli appassionati di evoluzioni ciclistiche e dell’adrenalina del movimento. Un po’ meno forse per i ciclisti professionisti e i loro insegnanti.
Notava Henry Barnes, che ha recensito il film per The Guardian, “This is about the bike, the road and the compulsion to go, go, go. Cycling proficiency teachers will hate it.”

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2013, maschi e femmine, scrittura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...