Due o tre cose che so sul doppiaggio

La polemica contro il doppiaggio dei film è tornata di recente attuale dopo l’adattamento discutibile di due film attesi del nuovo anno, Lincoln e Django Unchained. 
C’è chi ha invocato il diritto/possibilità per il pubblico di potere vedere i film in lingua originale con i sottotitoli. 
La protesta ha trovato una – pur limitata – eco nei distributori che hanno diffuso anche copie originali sottotitolate dei film in questione in varie città italiane, con un successo inaspettato quanto ottimistico per la speranza di una nuova era di visioni originali. 
Nuova era che ci si augura, ma con queste pignole precisazioni.

Se difesa deve essere, deve esserlo di tutti
Quando si difende la versione originale di un film si deve farlo di TUTTI i film, non solo di quelli nella lingua che si conosce, ad esempio l’inglese.
Pare quasi di sentirli, ok per Lincoln in originale, che si fotta il film francese. O quello tedesco. O la commedia con Sandra Bullock.
No, cari cinefili. La versione originale va chiesta per tutti – anche per i film in lingue che non ci piacciono o di Paesi che non ci piacciono o di lingue che non capiamo – e anche per le orrende commedie. Oppure non va chiesta per nessuno.
Siccome le crociate contro il doppiaggio che ho visto fare sui vari social network e blog erano SOLO per i film in lingua inglese mi sorge il sospetto di un atteggiamento “a gettone” che dequalifica chi si batte per una idea giusta. O la si applica a tutti o a nessuno.
A riprova di quanto detto si veda la discussione nata da un post di Luca Sofri. I commenti, direi la quasi totalità dei commenti al pezzo davano per scontato si parlasse solo di film in lingua inglese (viva i film in originale, così tutti imparano l’inglese, in Olanda tutto è sottotitolato, così i bambini sanno subito l’inglese e così via). Nessuno si è posto il minimo dubbio se la questione riguardasse tutti i film. Si è talmente schiavi della lingua dominante che non se ne fa una questione globale, ma di difesa della seconda lingua che si è imparata e si vuole sentire ovunque.

Il doppiaggio sempre nemico?
Sono sicuro che tutti voi siete in grado di cogliere e apprezzare le mille sfumature della pronuncia del mandarino o del giapponese. E come solo con una mezza sfumatura si possono dire molte cose. Che, fatevene una ragione, non coglieremo mai. Molto spesso i film orientali, specie quelli reperiti in rete (in vari modi…) sono accompagnati da sottotitoli in inglese, i quali, per le ben note caratteristiche di tale lingua sono sintetici, approssimativi e sbrigativi, per non dire inesatti. Su tale matrice inglese poi vengono costruiti i sottotitoli italiani. 
Ora, chissà che in quel caso il doppiaggio – seguito magari da un madrelingua – non riesca a ridare, complice la straordinarietà di tono della lingua italiana, quelle sfumature che con l’originale non avremmo colto.

Solo nel nostro Paese
Altra idea piuttosto balzana è che solo in Italia si doppino i film. Beh, se fate un giro a Parigi troverete diversi film in originale ma anche moltissimi doppiati, specie i blockbuster. Doppiano i film in Spagna, in Germania e sono convinto che lo facciano in tutti gli altri Paesi UE. Compresa l’Inghilterra, dove faccio fatica a pensare che i cittadini di un paese della Contea di Suffolk si sorbiscano un film in francese coi sottotitoli in inglese. O sbaglio? 
Il “problema” del doppiaggio e della accettabilità del sottotitolo da parte del pubblico è comune ad altri Paesi ed è sottostimato dagli anglofoni e anglofili perché loro ragionano sempre col metro della lingua inglese dominante (che infatti domina anche a svantaggio delle versioni originali) per cui le lingue “sottomesse” devono servire quella dominante.
A questo ultimo proposito piacerebbe conoscere l’opinione degli estimatori degli USA, patria benemerita di Cinema e Fiction con le maiuscole, ma anche fiero difensore della lingua inglese, refrattario a ogni interferenza linguistica. Se un film straniero vuole superare le salette d’essai occorre che si adegui. O si gira in inglese o lo si doppia. Casi di “successi” di film in originale ci sono senza dubbio, ma si rimane nella nicchia, fuori dalla “industria”. 

Ridotta in termini partigiani, l’urgenza del sottotitolo e della versione originale pare riguardi solo noi, solo i film in lingua inglese e non riguardi, per reciprocità i Paesi di lingua inglese. Ai quali invece dovremmo sottometterci.
Messa in questo modo, come battaglia culturale è un po’ spuntata. Forse è il caso che se le battaglie si devono combattere, lo si faccia mettendo giù tutte le carte, giocando apertamente, non sparando solo sul proprio Paese ma segnalando anche tutto quello che non va negli altri. 

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema, critica, politics e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Due o tre cose che so sul doppiaggio

  1. Souffle ha detto:

    fatte alcune piccole limature, modifiche e aggiunte a un post complicato e “in divenire” come la discussione sul doppiaggio. 🙂

  2. laulilla ha detto:

    Condivido. Riflettevo su questo da qualche giorno, dopo aver visto Re della terra selvaggia (questa sì è un’ orribile e scandalosa traduzione) e dopo aver letto del “massacro” dovuto al doppiaggio, che distruggerebbe la voce profonda della piccola attrice sovrapponendole quella acuta della protagonista doppiata. Può darsi; può darsi anche che io mi accontenti: dopo aver udito, per curiosità, il trailer in inglese, devo dire che non ho trovato apprezzabili diversità. In compenso mi sono goduta due ore di film, senza essere stata costretta a fare acrobazie con gli occhi, che, secondo me, è meglio se stanno attenti alla pellicola e alle immagini piuttosto che ai sottotitoli.
    A meno che le nostre conoscenze delle lingue straniere siano eccezionali!

    • Souffle ha detto:

      Beh non vorrei essere stato frainteso, ma io sono per i film sottotitolati. Non ritengo però che il doppiaggio abbia fatto sempre dei danni terribili, e sopratutto sostengo che le battaglie vadano fatte per difendere tutti i film non solo quelli che vorremmo sentire nella lingua che ci piace.
      Grazie per il tuo commento.

  3. Alessia ha detto:

    io non dico di abolire il doppiaggio( sarebbe presuntuoso pretendere che tutto il cosmo, deliziose vecchiette comprese, debba soffrire a scervellarsi nella lettura dei sottotitoli e a sentire una lingua straniera, ma pretendo che mi venga lasciata una scelta, come quando trovandomi a Berlino in occasione dell’uscita dell’ultimo Harry Potter vidi una cosa assolutamente straordinaria e meravigliosa: 2 sale una accanto all’altra, una che proiettava la versione in tedesco, l’altra quella originale coi sottotitoli.
    Sono ampiamente d’accordo sul fatto che la questione lingua originale riguardi tutte le lingue e non solo l’inglese ( anche se è l’unica seconda lingua che parlo e seguire prodotti in originale è anche per me un ottimo esercizio di listening): proprio recentemente mi è capitato di vedere per la prima volta un film tutto in danese coi sottotitoli ( a royal affair) e devo dire che non ho sofferto affatto, anzi ero assolutamente rapita e affascinata, per quanto non capisca niente di danese e il sottotitolo era la mia unica fonte.
    In verità il doppiaggio in Inghilterra viene praticato assai poco, certamente per la questione che hai già puntualmente evidenziato, ma che io sappia non doppiano davvero quasi niente e lasciano persino le serie tv nella lingua d’origine( tant’è che la BBC ha mandato “Ispector Montalbano” in italiano coi sottotitoli e pure con grande successo), mentre Spagnoli Tedeschi e Francesi doppiano come noi ( vedere il commissario montalbano in tedesco con cadenza sicula a Berlino è stato molto affascinante…).

    • Souffle ha detto:

      beh sono piacevolmente sorpreso, per non dire stupito, che gli inglesi – suppongo non solo i londinesi – vadano al cinema a vedere film stranieri in originale. E addirittura seguano serie tv in una lingua che non sia la loro. Bene.
      Spero che la tua esperienza di film in originale non in lingua inglese non si sia limitata al film danese. 🙂 Spero ti sia goduta anche film francesi e spagnoli nell’idioma originale,
      Anche io vorrei mi si lasciasse scegliere di avere l’opportunità di godermi un film. Il punto principale è: se si fa una battaglia, la si deve fare per tutti i film, non solo per quelli che ci piacciono o che parlano una lingua che conosciamo.
      Grazie per il tuo commento.

      • Alessia ha detto:

        certo, era la mia prima esperienza col danese ma dopo Jules e Jim in originale difficile resistere 😀 devo dire che però non ho mai provato coi film cinesi o giapponesi…speriamo bene (spero che non parlare il mandarino non sia un problema :D)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...