Vancouver journal #8

Supermercati come bancomat. Può essere davvero comodo fare la spesa e al momento di pagare chiedere al cassiere anche un po’ di contanti. E senza sventolare una 45 automatica. L’importo richiesto viene aggiunto al costo della spesa e si hanno in tasca quei 40-50 dollari che possono servire per l’aperitivo dopo la spesa, per pagare l’idraulico che accetta solo contanti, per una pausa hamburger. Dove non arriva il bancomat, arriva il tuo supermercato preferito.

Autunno a Vancouver, e lo si sente tutto. Tornano il cielo spesso coperto, primi brividi diskyline freddo e spiagge da cui spariscono i sedili dei bagnini, gli scivoli dai quali in pieno agosto ci si tuffava in acqua, e le persone. La spiaggia torna ad essere luogo di passeggiate solitarie, meditazioni, contemplazioni della bellezza dell’oceano. Insomma, che bello.

Ma è tempo di andare. Dopo 6 mesi da queste parti si conclude questa avventura in terra canadese.

Conserviamo molti ricordi – belli e brutti – che fanno esperienza, come si dice. 
Ci sentiamo più grandi, più forti e insieme più fragili, consapevoli della finitezza del mondo e delle cose, della fortuna che ci è capitata e della sfortuna che ci è venuta addosso.

Il nordamerica è bellissimo e Vancouver è la città ideale in cui vivere probabilmente (ma oceano (2)è durissima, spietata, e devi lottare ogni giorno per guadagnarti il diritto di viverci bene, altrimenti come le città dove non ti regala nulla nessuno, ti limiti a sopravvivere), ma io rimango un europeo. Se c’è una cosa che ho capito è questa.

Con la sua natura, l’aria pulita, gli scoiattoli e i procioni sotto casa, il suo spirito tollerante, rilassato e aperto e le innumerevoli tentazioni, Vancouver è una città che ti rapisce. E non sempre è piacevole.

Qui lascio un pezzo di cuore, e non è un lascito volontario. Questa città mi ha rubato la persona che amavo, scenario della series finale di un’avventura affettiva straordinaria e irripetibile.

Avrei voluto durasse di più, avrei voluto più stagioni, un rinnovo, la sceneggiatura erasunset_beach1 ancora valida, l’energia c’era tutta e le novità sarebbero state tante. Purtroppo nuovi protagonisti sono entrati in gioco, l’alchimia si è corrotta e la magia è terminata. Resta solo il dolore e il rimpianto.

Rimangono però dentro le tante cose positive che una persona straordinaria che ha incrociato la tua vita ti ha dato. E sono molte. Quelle gioie resteranno sempre a lenire un cuore ancora ferito. E ci faranno guardare avanti con maggiore speranza e un sorriso.

Ciao P., grazie di avere fatto un pezzo di strada con me è stato bellissimo. Mi mancherai tanto, non ti dimenticherò mai. Ti voglio bene.

Perdonate queste ultime considerazioni molto personali, un po’ egoisticamente ritengo faccia bene verbalizzare.

Grazie a tutti per aver letto queste note, fin qui.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in scrittura, Vancouver journal e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Vancouver journal #8

  1. Noodles ha detto:

    è stato sempre un piacere leggere delle tue avventure nordamericane, con uno stle che rendeva partecipi e che un po’ sembrava farcela vedere pure a noi questa nazione a nord degli USA.
    Mi spiace che quest’ultimo post coincida col series finale. Posso solo augurarti che investendo l’esperienza fatta qui possa presto trovarti in un nuovo “pilot”. Nel frattempo, un abbraccio 🙂

  2. Souffle ha detto:

    grazie, un abbraccio. Menare mai. 🙂

  3. UnoDiPassaggio ha detto:

    Oltre che verbalizzare, a volte fa bene anche menare. 🙂
    Un abbraccio.
    M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...