Lo sconosciuto del lago, o della disperata ricerca di affetto

Di fronte a un film come Lo sconosciuto del lago la critica si è trovata spesso spiazzata. Ha avuto consapevolezza della bellezza della pellicola, ma non è riuscita pienamente

sconosciuto4a decifrarla, tentando goffamente di ricondurre a parametri etero una storia omosessuale o provando, ancora più goffamente, a rassicurare il pubblico etero, “potete vederla anche voi”, quasi che tale pubblico non sia capace di affrontare l’altro da sé. Chissà magari ha ragione.

“Certo, dinamiche, atmosfere ed estetica sono chiaramente gay, ma senza alcuna intenzione aggressivamente militante, ma anzi con la voglia di smontare, silenziare e naturalizzare tutto ciò che di polemicamente e scandalosamente provocatorio ci poteva essere.” (Federico Gironi, Coming Soon).

La sponda del lago è un luogo dove prendere il sole nudi, (ri)trovarsi tra sconosciuti,sconosciuto2 scambiare tentativi di ricerca di affettività in un mondo gay che pare respingerla o tentarne una sublimazione fievole nei rapidi amplessi consumati nel boschetto adiacente alla spiaggia.

Il lago è anche teatro di un omicidio, l’abito di genere in cui vestire un racconto altro, grimaldello per fare entrare il mondo fuori, l’eterosocietà che tenta di capire (il dinoccolato ispettore), fallendo, le dinamiche gay dell’amore, della sessualità, della comunicazione in genere.

Frank crede (spera?) di trovare qui il compagno di una vita, la stabilità di un rapporto, cosìsconosciuto3 come molti gay sperano di trovarlo nei locali, nelle dark room, luoghi di cui solo loro conoscono le regole, l’uso degli spazi, le dinamiche ignote agli etero. Frank si innamora di Michel, bello e pericoloso, partendo, costruendo un rapporto partendo dal sesso (non è il modo migliore di conoscersi?) per volere, cercare, credere in qualcosa d’altro. Ma Michel è sesso senza affetto, o affetto che si esprime unicamente qui e ora nell’amplesso, nell’essere gay solo in quel luogo costruito perché la sessualità diversa possa esprimersi, tornando altro da sé nel mondo normale (il fuori dal lago).

Sull’altro lato del lago, sottratto alla dinamica dei corpi e delle loro regole, Henri offre a sconosciuto1Frank l’ipotesi alternativa di partire da una affettività in cui il sesso sia escluso. Una ipotesi che Frank non può accettare.
Henri e Frank sognano entrambi di (s)fuggire alla solitudine del lago e della metafora che rappresenta. E né la scelta di stare fuori dall’acqua (Henri) né quella di buttarcisi dentro (Frank) saranno felici. 

Cinema purissimo quello di Alain Guiraudie granitico nelle sue posizioni come in quelle della macchina da presa, cinema teorico ma non respingente, doloroso eppure bellissimo.

Complimenti alla Teodora Film che con grande coraggio distribuisce in originale con sottotitoli una pellicola destinata all’indifferenza dei giovani blogger affamati di cinema, che, scommettiamo, si butteranno addosso alla lesbicata del film di Kechiche.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2013, le cose migliori, politics e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lo sconosciuto del lago, o della disperata ricerca di affetto

  1. Paolo1984 ha detto:

    “Lesbicata” mi pare ingeneroso (ma l’hai visto?)

  2. laulilla ha detto:

    Bellissimo film e bellissimo commento. Hai letto il mio?

    • Souffle ha detto:

      ti ringrazio. Sì ho letto il tuo interessante commento. La riluttanza dei maschi alla visione di questi prodotti è antica. 🙂 grazie di essere passata di qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...