Zoran, il cinema di provincia che funziona

Quando esce un film italiano, specie una piccola produzione, la prima cosa che verifico quando gli do una possibilità al cinema è la qualità del suono. Zoran, il mio nipote scemo del friulano Matteo Oleotto ha un suono in presa diretta eccellente.zoran1

La qualità del suono si rivela fondamentale in un film in cui l’afrore uditivo della provincia friulana a due passi dalla Slovenia impregna parole e corpi. Oleotto ci fa immergere negli umori e negli odori, acidi, a volte sgradevoli, ma sinceri e terragni di una favola alcolica in cui Paolo Bressan uomo respingente, genuino e aspro come sa esserlo a volte la terra, si trova tra i piedi un nipote sloveno, Zoran, che ha imparato l’italiano sui libri, che dà qualche segno di autismo ma in realtà ha solo problemi a stare con le persone. Come questo suo zio che scoperta l’abilità del nipote con le freccette decide per di usarla per uscire dal pantano della sua vita. zoran4

Al di là della favola di crescita inversa (qui è sostanzialmente il nipote “scemo” ad aiutare lo zio stupido a diventare adulto) il merito del film di Oleotto è di sfuggire alla retorica favolistica sporcando l’edificante con lo zoran2sgradevole, evitare che il personaggio di Bressan subisca una poco plausibile conversione totale, costruire una storia dentro a un territorio di confine, comprendendone le possibilità di scambio di culture, di esperienze, di sincera reciproca conoscenza, fare cinema di provincia credibile (pur con tutte le sue incertezze narrative e semantiche), e vendibile. E con una cura tecnica che raramente si vede nel cinema italiano.

Il lavoro attoriale di Giuseppe Battiston come Paolo Bressan, tutto di corpo, è impeccabile.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2013, scrittura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Zoran, il cinema di provincia che funziona

  1. abdensarly ha detto:

    Un bel film, poco budget ma risultati eccellenti. Ha colpito molto anche me l’utilizzo di alcuni suoni molto accentuati. Un bel lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...