Archivi del mese: aprile 2014

Grand Budapest Hotel, la favoletta di Anderson

Ci sono due tipi di giochi da tavolo, quelli che guidano il giocatore (che so, Monopoly) e quelli che sono guidati dal giocatore. I secondi offrono ai giocatori diverse possibilità di scelta, li invitano a pensare strategie e tattiche, richiedono … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, scrittura | Contrassegnato , , | 4 commenti

Stephen Colbert, la Cbs e due cose sul cambiamento

What you’re going to get is the real Stephen Colbert. He said it’s time to do something different. If he’s going to be on our air for 20 years, as we all hope, it’s not humanly possible to keep that … Continua a leggere

Pubblicato in le cose migliori, scrittura, televisione | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Giovane e bella, Ozon libera la sessualità

Sessualità liberata quella di Giovane e bella, l’ultimo film di François Ozon? Si e no. Cioè non tanto banalmente una adolescente che scopre il sesso e il suo corpo – sì c’è anche quello – e ne fa quel che … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, maschi e femmine, ozon, scrittura | Contrassegnato , | 2 commenti