Archivi del mese: ottobre 2014

Boyhood, Linklater e il passare del tempo

Quando lo script non è la storia ma l’esperimento filmico che c’è dietro. Usare uno stesso cast e troupe per 12 anni (un po’ di riprese un anno dopo l’altro) per raccontare la crescita di un bambino – e della sua … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, infanzia, maschi e femmine, scrittura | 1 commento

Goltzius and the Pelican Company, formidabile Greenaway

(Ri)affermare in modo (pre)potente la propria idea di cinema, i temi cari su cui si ragiona e si vuole fare ragionare il pubblico senza rinunciare a “intrattenerlo”, che poi è ciò che chiede il torbido Margrave (una sorta di Marchese) d’Alsazia … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, le cose migliori, maschi e femmine, scrittura | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Pasolini, di Abel Ferrara

Ci vuole coraggio e la passione per i morituri di Abel Ferrara per affrontare un personaggio come Pasolini, tra quelli piùa rischio di santino insipido, censure programmatiche, narrazione lineare for dummies. Ma Ferrara è regista poco incline ed evita la trappola del … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, le cose migliori, scrittura, Venezia 2014 | Contrassegnato , , , | Lascia un commento