Boyhood, Linklater e il passare del tempo

Quando lo script non è la storia ma l’esperimento filmico che c’è dietro. Usare uno stesso boyhood5cast e troupe per 12 anni (un po’ di riprese un anno dopo l’altro) per raccontare la crescita di un bambino – e della sua famiglia – dall’infanzia ingenua e senza pensieri fino al momento topico per ogni adolescente americano: l’ingresso al college.

Boyhood è girato naturalmente in Texas, lo stato del regista del film, Richard Linklater e il protagonista è il piccolo Mason, che vive a Houston con madre (Patricia Arquette) e sorella più grande (che è la figlia del regista). I genitori sono divorziati e il padre – il sodale di Linklater, il texano Ethan Hawke – vede i figli ogni tanto.

Seguiamo le vicende di Mason e della sua famiglia, i successivi amori fallimentari della??????????????????????madre, il padre che si rifà una vita, nel corso di 12 anni, accompagnati da accenni a fatti dell’epoca (la guerra, le elezioni Obana vs McCain), dai videogiochi e altri piccoli particolari con cui il regista senza enfasi marca il passare del tempo.

La cosa più incredibile è naturalmente vedere Mason (l’attore texano Ellar Coltrane) che cresce, cambia taglio di capelli, mette e toglie l’orecchino. E con lui crescono e cambiano anche tutti gli altri attori, naturalmente. Sembra quasi un curioso, folle reality.

A Linklater non interessa raccontare un’epoca e le sue icone attraverso la storia di unaboyhood1 famiglia, il regista ci regala frammenti dell’immaginario americano nel sud conservatore del Texas, fatto di inni nazionali da cantare a scuola, fucili che i nonni consegnano ai nipoti adolescenti, Bibbie ricevute come regalo di compleanno.

Piuttosto ci racconta come il tempo ci cambi, quanto il tempo corra, e, per usare le parole della madre di Mason, quanto avremmo voluto avere un po’ più di tempo prima che la boyhood dei nostri figli se ne andasse portandoli via da noi a farsi la loro vita.

La storia di Mason e della sua famiglia è solo un pretesto, il canovaccio su cui imbastireboyhood3 una storia sul tempo che passa e trasforma i nostri corpi. Il regista racconta la crescita di Mason attraverso i classici riti di passaggio – il campeggio con il padre, la partita, la prima lattina di birra, la canna fumata a 15 anni, la prima storia d’amore – ma la maturità di Mason la vediamo sopratutto sul suo corpo che cambia, si trasforma, cresce. Così come parallelamente quello dei genitori invecchia.

E se i 164 minuti del film scorrono piacevolmente senza che ci si annoi, alla fine più che sapere che ne sarà di Mason una volta al college, sarei più curioso di sapere se Ellar Coltrane, l’attore che lo ha interpretato per questi 12 anni abbia cambiato la sua vita grazie al film, se ha dovuto cambiare taglio di capelli per esigenze di copione o dipingersi le unghie di blu perché davvero gli andava o per rendere più drammatica la scena che si doveva girare.
In altre parole, pur apprezzando l’esperimento – che ti fa dire wow! ma poi ti domandi se ne valeva la pena – esco dal cinema senza alcuna voglia di sapere che farà Mason con la sua vita, né di rivedermi il film.

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2014, infanzia, maschi e femmine, scrittura. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Boyhood, Linklater e il passare del tempo

  1. Gabriele ha detto:

    Sono d’accordo, conta più l’operazione che l’opera. Il regista era forse più affascinato dalla sfida produttiva rispetto a ciò che filmava, ma questo, paradossalmente, approssima Boyhood a qualsiasi filmino domestico piuttosto che a un tradizionale testo drammaturgico. Crescono gli attori, non i personaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...