I due volti di gennaio, il cast non salva dalla regia

Quando penso a Patricia Highsmith, prolifica autrice di thriller che giocano spesso sull’ambiguità di personaggi e desideri, l’amoralità mi vengono in mente, come a molti credo, l’hitchcockiano Delitto per delitto (Stranger on a train) e il minghelliano Il talento di Mr Ripley.

Due modi di fare cinema molto diversi come i risultati, il capolavoro di Hitchcock fagennaio01 sfigurare la corretta ma piatta impaginazione di Minghella.

In mezzo c’è L’amico americano di Wenders che ha saputo rendere onore alla Highsmith, anche se in modo diversissimo da Hitch.

Hossein Amini, all’esordio registico, si affida al romanzo che la Highsmith scrisse a metà degli anni ’60, I due volti di gennaio e coinvolge nel cast Viggo Mortensen e Kirsten Dunst come “la coppia”, mentre nei panni del terzo incomodo Rydal c’è Oscar Isaac.

I due coniugi americani Chester e Colette McFarland sono in Grecia a fare i turisti (o forse???????????????????? no), in realtà in fuga da cose brutte che si sono lasciati dietro in America. L’incontro con Rydal, un giovane americano espatriato che sa il greco e si offre come interprete e guida scatena una serie di conseguenze, doppi giochi, passioni nascoste, tradimenti e morte.

Ancora triangoli, personaggi in fuga, segreti da nascondere, crimini di cui si diviene complici per necessità di eventi, omicidi accidentali da cui si fugge senza rimorso, col solo scopo di salvarsi. E l’ambiente – la calda, soffocante, linguisticamente ostile Grecia (1) – è l’altro giocatore della partita, il master che governa il gioco e “fa muovere” i personaggi verso la fine inevitabile.

Se il cast si mostra all’altezza della gestione della trama della Highsmith che viaggia sui suoi tradizionali schemi, la regia, pur attenta a ricreare l’atmosfera e pronta a non cadere nel patinato e nell’olografico in cui era caduto Minghella, si lascia un po’ imprigionare da uno sviluppo tramico inevitabile e senza sorprese.

(1) In originale il film si apprezza maggiormente.
Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2014, scrittura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...