Whiplash, o di quando l’amore distrugge

Uno dei problemi che una persona può avere coi film che parlano di musica è che se non sei un esperto rischiano di sfuggirti molte cose e ti godi il film meno di chi accanto a te ammicca e sorride per segnali oscuri che vengono da quel motivo che è improvvisamente partito ad accompagnare una scena significativa. Ma, appunto, stiamo parlando di film che parlano di musica o musicisti. ?????????????????

Whiplash opera del 30enne Damien Chazelle (che amplia un suo precedente corto) non parla di musica jazz. Sì, c’è una colonna sonora ma anche i neofiti la possono apprezzare; sì c’è uno studente di musica che entra nella jazz band di un professore violento che intravede qualcosa in quel ragazzo tanto da torturarlo fino al limite dell’umana sopportazione per spingerlo a superare i propri limiti, le proprie paure. Whiplash però non è opera da leggere con lo spartito in mano, qui si parla di altro.

Whiplash è una gara di resistenza e di sopportazione, un viaggio verso l’età adulta fatto diWhiplash2 lacrime e sangue che bagnano spartiti, batteria e bacchette. So cosa state pensando come direbbe Magnun P.I., sembra un film militare, campo di addestramento, la recluta di talento, l’ufficiale che la porta al limite, il confronto finale, l’allievo che – metaforicamente – risponde allo schiaffo del maestro. Solo che non è un film militare, ed è questa l’originalità della pellicola, l’ambientazione.

Il nostro Andrew viene umiliato, ferito, spronato e buttato giù, finché quello schiaffo del maestro non viene restituito, il ragazzino non è più un adolescente impaurito, è un uomo. Si diventa uomini anche senza necessariamente subire lacerazioni sulle mani? Sicuramente, però ogni tanto fa bene ricordare (e Chazelle 30enne parla ai suoi coetanei e ai fratelli minori) che la strada per fare qualcosa di buono o magari qualcosa di più nella vita è lastricata di duro lavoro e pratica, continua, cadute e risalite. whiplash3
Andrew non mi pare un ragazzo di particolare talento, e il suo sadico maestro se ne rende conto, ma il problema non è tirare fuori le abilità di quel giovane ebreo così timido che non sa chiedere a una tipa di uscire. 
La questione è aiutare una persona che istintivamente ti piace (il primo incontro tra i due lo includerei tra i colpi di fulmine cinematografici – non in senso sentimentale ma affettivo) a crescere. Mr Fletcher (un grande J.K. Simmons) ha un solo modo per aiutarlo, il suo, che non è certo un esempio (un suo precedente allievo, un altro colpo di fulmine, si è tolto la vita), ma è l’unico che conosce. 
Chazelle non dimostra particolari abilità registiche, ma ha avuto mano felice nel dirigere gli attori e ha saputo raccontare una storia di formazione usando la sua passione per il jazz (che ha anche suonato, batterista ovviamente) riuscendo ad arrivare a tutti. 

Annunci

Informazioni su Souffle

Amante del cinema, delle serie tv e della cucina adora la comunicazione e la scrittura (degli altri). Nel tempo libero fa un lavoro completamente diverso.
Questa voce è stata pubblicata in cinema 2015, le cose migliori, scrittura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Whiplash, o di quando l’amore distrugge

  1. alesya86 ha detto:

    per me il miglior film in corsa agli Oscar quest’anno. Fantastico!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...