Archivi del mese: febbraio 2016

Cock, o della ricerca dell’identità

Torna a Milano al Teatro Franco Parenti (fino al 28 febbraio) Cock, la pièce del 2009 di Mike Bartlett (classe 1980) che senza perdere un grammo di attualità specie in Italia, racconta la ricerca di identità come lotta verbale su … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2015 | 2 commenti

Remember, o della memoria selettiva

Che il regista canadese-armeno Atom Egoyan ci tenga a provocare il suo pubblico – nel senso migliore del termine – proponendo un cinema che metta continuamente in discussione i nostri assunti morali è cosa nota. Non sempre però il suo cinema … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, politics, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il caso Spotlight, ancora una vittoria per i narratori

“People don’t have to like me, but I hope that they’ll respect me.” Martin Baron, ex direttore del Boston Globe  A voler fare pessimo giornalismo si sarebbe tentati di dire che è stata studiata a tavolino questa infornata di film … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, le cose migliori, politics, scrittura | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Trumbo, il film sullo sceneggiatore cade sullo script

Chi non è un appassionato di cinema non ha idea di chi sia stato Dalton Trumbo, uno dei più prolifici e pagati sceneggiatori dell’epoca d’oro di Hollywood. E nemmeno può immaginare che Trumbo, iscritto al partito comunista si vide oggetto … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, politics, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

The Hateful Eight, Tarantino o dell’amore per lo script

“Non ho problemi con il passato o il futuro, l’avversario contro cui combatto è il cinema del presente.” (Quentin Tarantino) Un importante critico italiano ha definito The Hateful Eight, l’ottavo film di Tarantino un passo falso. Non potrebbe esserci stato … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, le cose migliori, politics, scrittura | Contrassegnato , | 2 commenti