Archivi categoria: politics

Il diritto di uccidere, la morte in conference call

C’è chiaramente un grande metaforone biblico in Eye in the sky, il film di Gavin Hood da noi uscito inopinatamente col titolo Il diritto di uccidere.  Helen Mirren – scelta di cast molto interessante – veste i panni di un colonnello … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, politics | Contrassegnato , | Lascia un commento

Al di là delle montagne, il cinema limpido di Jia Zhang-Ke

Esce miracolosamente dopo un anno dalla proiezione cannense questo formidabile film che vedemmo a giugno 2015, durante la rassegna milanese dei film del Festival. Riproponiamo quanto scrivemmo allora. Al di là delle montagne (Mountains may depart nel titolo internazionale) viene … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, le cose migliori, nostalgia canaglia, politics, scrittura | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Truth, o della apodittica verità

Insomma, è l’anno dei giornalisti, dopo i reporter del Boston Globe e la loro caccia ai preti pedofili, ecco che arriva con l’impegnativo titolo di Truth il film scritto e diretto da James Vanderbilt sull’inchiesta che il programma 60 Minutes … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, politics, televisione | Contrassegnato , | Lascia un commento

Remember, o della memoria selettiva

Che il regista canadese-armeno Atom Egoyan ci tenga a provocare il suo pubblico – nel senso migliore del termine – proponendo un cinema che metta continuamente in discussione i nostri assunti morali è cosa nota. Non sempre però il suo cinema … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, politics, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il caso Spotlight, ancora una vittoria per i narratori

“People don’t have to like me, but I hope that they’ll respect me.” Martin Baron, ex direttore del Boston Globe  A voler fare pessimo giornalismo si sarebbe tentati di dire che è stata studiata a tavolino questa infornata di film … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, le cose migliori, politics, scrittura | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Trumbo, il film sullo sceneggiatore cade sullo script

Chi non è un appassionato di cinema non ha idea di chi sia stato Dalton Trumbo, uno dei più prolifici e pagati sceneggiatori dell’epoca d’oro di Hollywood. E nemmeno può immaginare che Trumbo, iscritto al partito comunista si vide oggetto … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, politics, scrittura | Contrassegnato , | Lascia un commento

The Hateful Eight, Tarantino o dell’amore per lo script

“Non ho problemi con il passato o il futuro, l’avversario contro cui combatto è il cinema del presente.” (Quentin Tarantino) Un importante critico italiano ha definito The Hateful Eight, l’ottavo film di Tarantino un passo falso. Non potrebbe esserci stato … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, le cose migliori, politics, scrittura | Contrassegnato , | 2 commenti