Archivi categoria: infanzia

Lo chiamavano Jeeg Robot, eroe di genere

Cosa ci dice Lo chiamavano Jeeg Robot, il bel film del 40enne Gabriele Mainetti che abbiamo visto in un pomeriggio piovoso in cui pensavamo che solo il cinema ci avrebbe salvato? Che l’unico modo per fare buon –  anzi: ottimo – … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2016, comics, infanzia, le cose migliori | Contrassegnato , | Lascia un commento

Boyhood, Linklater e il passare del tempo

Quando lo script non è la storia ma l’esperimento filmico che c’è dietro. Usare uno stesso cast e troupe per 12 anni (un po’ di riprese un anno dopo l’altro) per raccontare la crescita di un bambino – e della sua … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2014, infanzia, maschi e femmine, scrittura | 1 commento

La guerra è dichiarata, combattere la malattia è una gara di fondo

Perché è successo a noi? Perché noi siamo in grado di superarlo Quello che è successo a Valérie  Donzelli (attrice e regista) e al compagno (ora ex) Jérémie Elkaïm (attore) è tragico e straordinario insieme. Si conoscono, si amano fanno … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2012, infanzia, le cose migliori | Contrassegnato | 3 commenti

Molto forte, incredibilmente vicino, il cambiamento è accettarsi

Try again. Fall again. Fall better  (Parafrasando Beckett) A Stephen Daldry piace confrontarsi con i libri di successo, siano essi il meno conosciuto romanzo di Bernhard Schlink (The Reader), o il fenomeno mediatico/letterario The Hours di Cunningham, fino al ROMANZO dell’11 … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2012, infanzia, libri, politics, scrittura | Contrassegnato , , | 3 commenti

Young adult, i 40 sono solo l’inizio

Avete mai pensato che la provincia con la sua ipocrisia, la mentalità chiusa, il non c’è nulla da fare se non andare al solito bar per le solite chiacchiere con le solite facce, sia meglio della città dove sei davvero … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2012, infanzia, maschi e femmine, scrittura | Contrassegnato | 3 commenti

Dobbiamo parlare di Kevin

L’amore è un dardo. Uccidere come unica possibile manifestazione di un amore inesprimibile se non nel conflitto, soffocante eppure necessario. E ora parliamo di Kevin (ma in inglese suona più come “dobbiamo parlare di Kevin”) della regista Lynne Ramsay ci … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2012, infanzia, maschi e femmine | Contrassegnato | 3 commenti

Tomboy, il corpo che abito

Come ti chiami? Mi chiamo Laure La (non) verbalizzazione dell’appartenenza a un sesso biologico che rifiuta comunque di appartenere a un genere (per parafrasare le parole di Manuel Billi) sta tutta nel finale quanto Lisa chiede a Mickael di (ri)nominarsi, … Continua a leggere

Pubblicato in cinema 2011, infanzia, maschi e femmine | 3 commenti